Articles

George McJunkin e la Scoperta Che ha Cambiato American Archaeology

Matt Peeples, la Conservazione Archeologo
Matt Peeples l'icona del blog

il 27 agosto 1908, la piccola città di Folsom (popolazione ~250) nel nord del New Mexico è stato colpito da un nubifragio e dotato di una rapida e pioggia. Questa tempesta ha causato alcune delle peggiori inondazioni mai registrate nella zona. I resoconti di prima mano sui giornali descrivono una notte straziante: l’acqua si precipitò violentemente per le strade, inondando case e aziende mentre le persone si aggrappavano ai mobili e salivano sui tetti per stare al sicuro. Almeno 17 persone sono morte. L’acqua scorreva ancora per le strade la mattina dopo.

Un residente dell’area di Folsom quella notte era il cowboy afroamericano George McJunkin. La storia della vita di McJunkin è notevole. Era nato schiavo vicino a Midway, Texas-un piccolo villaggio a circa metà strada tra Houston e Dallas—nel 1851. Il padre di George era un fabbro, e George è cresciuto intorno ai cavalli. Alla fine, ha imparato a cavalcare e corda.

George McJunkin. Foto per gentile concessione di Georgia e Bill Lockridge, ex proprietari del Crowfoot Ranch. Accesso a un href="" target="_blank" rel = "noopener noreferrer"www.blm.gov/a."http://www.blm.gov/nm/st/en/prog/more/cultural_resources/george_mcjunkin_feature/george_mcjunkin_feature.html" target="_blank" rel="noopener noreferrer">www.blm.gov</a>.
George McJunkin. Foto per gentile concessione di Georgia e Bill Lockridge, ex proprietari del Crowfoot Ranch. Accesso a www.blm.gov.

Subito dopo la guerra civile, e come uomo libero, George lasciò il Texas per il New Mexico settentrionale per cercare lavoro come cowboy. Ha fatto, e ha eccelso, guadagnando una reputazione come uno dei migliori interruttori di cavallo nel New Mexico. Coloro che lo conoscevano lo descrivevano come una persona curiosa interessata all’apprendimento, in particolare alla scienza. Ha imparato a leggere da altri cowboys nel suo tempo libero sulla gamma, a volte scambiando lezioni di rottura del cavallo per lezioni di lettura. Conosceva anche lo spagnolo e divenne un po ‘ un intermediario tra le comunità messicane e anglo della zona. Ha anche giocherellato abbastanza bene! A volte nei primi anni del 1900, divenne il caposquadra del Crowfoot Ranch vicino a Folsom.

Il giorno dopo l’alluvione di Folsom, McJunkin era fuori controllando recinzioni e arroyos per danni. Lungo uno dei drenaggi laterali del fiume secco Cimarron (non così giustamente chiamato per l’estate del 1908), lui e l’amico Bill Gordon videro un taglio appena inciso lungo un’area che chiamarono Wild Horse Arroyo. Fu in questo arroyo che McJunkin avrebbe fatto una delle scoperte più importanti dell’archeologia americana. Avvicinandosi all’arroyo, vide ossa che riconobbe come bisonti, ma erano molto più grandi di qualsiasi bisonte avesse visto prima.

George sapeva che questa scoperta poteva essere significativa e trascorse il resto della sua vita cercando di interessare gli altri. Scrisse a un esperto di Las Vegas, New Mexico, che aveva studiato ossa di mammut e resti di altri animali. Bill Gordon e George mostrarono anche alcune delle ossa alle persone di Raton che avevano espresso interesse a trovare prove di animali estinti.

George McJunkin morì nel gennaio 1922, mai in grado di risolvere il mistero delle ossa giganti. Solo sette mesi dopo la sua morte, tuttavia, Carl Schwacheim (una delle persone a Raton che George aveva raccontato della sua scoperta), un banchiere di nome Fred Howarth, e un gruppo tra cui un prete cattolico romano e un tassidermista alla fine fecero visita all’ormai famoso Cavallo selvaggio Arroyo. Schwacheim, Howarth, e società ha scritto note della loro visita al sito osservando le enormi ossa e punte di lancia di pietra hanno trovato erodendo fuori del arroyo.

Qualche anno dopo, nel 1926, uno dei membri di quella squadra si avvicinò a J. D. Figgins del Colorado Museum of Natural History – ora il Denver Museum of Nature and Science-con alcune delle ossa dal sito Folsom. Figgins non aveva visto ossa come quelle prima e pensava che il sito potesse essere importante. Lui e Harold Cook, anche del Museo del Colorado, iniziarono scavi formali in quello che ora chiamavano il sito di Folsom nel 1926. Il loro lavoro ha rivelato numerose ossa di almeno 30 bisonti estinti, oggi noti come Bison antiquus, che non erano ancora stati descritti nella letteratura scientifica.

Punto Folsom. Foto per gentile concessione di un href=";"http://www.blm.gov/nm/st/en/prog/more/cultural_resources/george_mcjunkin_feature/george_mcjunkin_feature.html">www.blm.gov.</a>
Folsom Point. Foto per gentile concessione di www.blm.gov.

Nell’estate del 1927, fecero una scoperta ancora più eccitante: trovarono una punta di lancia di pietra in situ nel terreno tra le costole di questa specie estinta di bisonte. (Il collegamento si apre come PDF; scorrere fino a pagina 9.) A quel tempo, la maggior parte degli archeologi e dei paleontologi credeva che le persone avessero vissuto solo nel continente nordamericano per circa 4.000 anni. Figgins e la compagnia avevano prove dirette di persone (la punta di lancia) in associazione con un animale che si era estinto molte migliaia di anni prima. Questa scoperta significava che le persone vivevano nel sud-ovest più di 11.000 anni fa (e le nuove scoperte negli anni successivi hanno spinto quella data ancora più nel passato). Il sito di Folsom è stato il primo sito generalmente riconosciuto come prova della grande antichità dell’abitazione umana in Nord America, e ha scatenato un’enorme ondata di interesse per l’archeologia nel sud-ovest e nel periodo pleistocenico in generale.

Questa scoperta significativa non sarebbe avvenuta come ha fatto senza George McJunkin. McJunkin ha trovato il sito, sapeva che era importante e persisteva nel portarlo all’attenzione della comunità scientifica, anche se non viveva per vedere il risultato. Il contributo di McJunkin non fu ampiamente riconosciuto, tuttavia, fino a quasi 50 anni dopo la sua morte, quando George Agogino della Eastern New Mexico University sentì storie su McJunkin da persone che vivevano nell’area di Folsom. Agogino e lo scrittore Franklin Folsom rintracciarono e registrarono storie di coloro che conoscevano George McJunkin, documentando così il suo ruolo in questa scoperta, così come la sua notevole vita.

Altro su McJunkin:

Folsom, Franklin (1992) Black Cowboy: La vita e la leggenda di George McJunkin. Roberts Rinehart Publishers, Niwot, Colorado.

Cosa devo fare se scopro un sito?

E ‘ probabile che gli archeologi hanno già documentato il luogo e c’è un record ufficiale di esso. Questo è particolarmente vero per i siti su terreni pubblici. Tuttavia, contattare un centro visitatori (per terreni pubblici) o un college locale, una società storica, una società archeologica o un museo è utile, solo per saperne di più sul luogo e sulle persone che potrebbero essere state lì. Molti stati hanno un museo statale che sarebbe un buon punto di partenza. Potete anche contattarci a [email protected] per aiutare a dirigere la tua richiesta.

Si prega di non rimuovere gli artefatti dal sito. Quando gli oggetti vengono spostati da dove sono stati trovati senza un’adeguata documentazione della posizione e del contesto circostante, spesso vengono perse informazioni importanti. Alcune domande che gli artefatti possono affrontare richiedono queste informazioni. Inoltre, è illegale rimuovere manufatti da terre pubbliche, come parchi nazionali, monumenti e foreste, nonché da terre statali o municipali, senza i permessi adeguati. Scatta foto invece.

Se sospetti o sai che un sito è presente su una proprietà che possiedi, non hai alcun obbligo di contattare gli archeologi, ma come minimo, ti chiediamo di goderti, preservare e proteggere ciò che è lì in atto. Se desideri che ti aiutiamo a identificare i manufatti, a documentare il sito o a consigliarti su come proteggere i resti, ti preghiamo di contattarci all’indirizzo [email protected] Molte volte, è utile solo imparare che un sito con determinate tradizioni culturali è presente in un luogo.